Policoltura Ma-Pi:
proteggiamo insieme la biodiversità

“Chi lavora la Terra ha un compito sacro” M.P.

Policoltura MA-PI

L’agricoltura macrobiotica

In agricoltura la sfida della nostra epoca è quella di promuovere una agricoltura sostenibile che sappia svolgere un ruolo di tutela e valorizzazione dell’ambiente. L’agricoltura industriale ha prodotto agroecosistemi sempre più specializzati ed orientati alla monocoltura, con conseguente perdita di biodiversità e delle risorse genetiche tradizionali. Inoltre l’uso massiccio di fertilizzanti e di prodotti fitosanitari in campo agricolo ha causato ingenti  danni all’equilibrio del suolo, dell’acqua e della biodiversità.

Non stupisce se si legge che:  

A livello mondiale l’agricoltura è una delle principali fonti di emissioni di gas a effetto serra, tra cui anidride carbonica (CO2), metano (CH4) e protossido di azoto (N2O) e rappresenta un driver importante per i cambiamenti climatici in atto. Un altro importante impatto dell’agricoltura sta emergendo prepotentemente ed è legato alle pressioni esercitate dal settore nel suo complesso sulla fauna responsabile dell’impollinazione delle piante” (fonte)

Pertanto, garantire in agricoltura una gestione sostenibile delle risorse naturali rappresenta sempre di più una priorità strategica per una produzione di alta qualità. 

La policoltura ma-pi
e l’equilibrio naturale

La Policoltura MA-PI è un metodo agricolo  basato, principalmente, sulla riproduzione spontanea dei semi (ogni contadino dovrebbe lasciare per questo almeno un 10% dei suoi terreni) ed il recupero di antiche ed autoctone varietà di cereali, ortaggi, legumi, frutta, etc. Si coltiva senza prodotti chimici di sintesi, seminando i prodotti di stagione, in rotazione e consociazione fra di loro, circondati da siepi.

Alcune ricerche scientifiche, come ad esempio quella condotta dall’Università Politecnica delle Marche  hanno dimostrato che la Policoltura MA-PI rappresenta una soluzione concreta alle attuali emergenze ambientali, alimentari e sanitarie, in quanto incrementa le formazioni boschive, la riproduzione spontanea di Flora e Fauna, riduce di oltre il 90% il consumo di risorse rinnovabili (ossigeno, acqua, legno, etc.) e non rinnovabili (minerali, petrolio, etc). Inoltre, e se venisse adottata globalmente, darebbe la possibilità di soddisfare i fabbisogni nutritivi di una popolazione di gran lunga più numerosa rispetto a quella attuale, promuovendo un’alimentazione più sana.

  • Mancini, L. Food Habits and Environmental Impact: an Assessment of the Natural Resource Demand in Three Agri-Food Systems, Tesi di Dottorato, Università Politecnica delle Marche, 2010
  •  Mancini, L. Conventional, Organic and Polycultural Farming Practices: Material Intensity of Italian Crops and Foodstuffs. Resources 2013, 2, 628 – 650 (http://www.mdpi.com)

La Policoltura Ma-Pi (Macrobiotica Pianesiana) è un metodo agricolo che unifica le antiche tradizioni millenarie ai riferimenti scientifici di base più importanti, come il PH e la biodiversità dei suoli o lo studio delle biomasse. Partendo dalla tutela e osservazione delle piante spontanee soggette agli influssi delle costellazioni, è possibile individuare le piante selvatiche “indicatrici” che determineranno la scelta delle colture più idonee.

La Policoltura MA-PI si basa, inoltre, sul recupero di varietà antiche ed autoctone di cereali, ortaggi, legumi e frutta e sulla riproduzione spontanea di semi: attività, quest’ultima, a cui ogni contadino dovrebbe destinare almeno un 10% dei propri terreni.
La coltivazione avviene, poi, senza l’utilizzo di prodotti chimici di sintesi e i prodotti di stagione vengono seminati in rotazione e consociazione fra loro, circondati da siepi e sotto file di alberi autoctoni (distanti gli uni dagli altri dai 5 ai 10 metri, a seconda del tipo di terreno).

Un altro aspetto fondamentale, oltre al ciclo naturale delle piante da seminare (che siano esse cereali, legumi o ortaggi), è l’osservazione di tutta la vegetazione spontanea che ne precede, accompagna e segue la crescita.
La pianta che precede la coltura principale, infatti, ne agevola e favorisce lo sviluppo, quella che la accompagna nel suo periodo di crescita funge da pianta complementare contribuendo alla sua difesa e quella che si sviluppa in seguito al ciclo vitale della coltura prepara il terreno per quella successiva. A chiudere il ciclo, la pianta che “controlla” si occupa di riequilibrare il terreno. È proprio la tipologia di pianta che precede la coltura prescelta e che prepara il terreno alla semina a determinare la rotazione delle colture.

Tutte le piante che accompagnano la coltura principale andranno poi lasciate crescere spontaneamente perché ne rappresentano un importante supporto.
Al momento del raccolto, la cosiddetta pianta “infestante” che segue sarà già pronta a propagarsi e quella che si occupa di riequilibrare il terreno crescerà. Il tutto avviene seguendo la logica naturale secondo la quale la pianta primaverile assesta il terreno per la pianta autunnale, quella estiva per quella invernale e viceversa ovvero quella autunnale per quella primaverile e quella invernale per quella estiva.

Un esempio di campo in transizione verso la Policoltura MA-PI

ambiente

proteggi l’ambiente

agricoltura

migliori l’agricoltura

alimentazione

sai cosa mangi

salute

sei più in salute 

economia

risparmi energie